Home / Media / Archive by Category "Collaborazioni" (Page 3)

Archives

Stupro, “bambinata” per sindaco. Bruzzone: “Folli stereotipi. Così vittime imputate”

Intervista del 05 luglio 2017 Stupro, “bambinata” per sindaco. Bruzzone: “Folli stereotipi. Così vittime imputate” Hanno scatenato molte polemiche le parole del sindaco di Pimonte, che in un’intervista andata in onda nella puntata del 3 Luglio de ”L’aria che tira” , ha parlato di ”bambinata” relativamente allo stupro di gruppo su una ragazzina di 15 anni da parte di suoi coetanei, tra cui il fidanzato; la giovane aveva poi lasciato Pimonte, e si è recata in Germania con la famiglia. “E’ successo, è un fatto isolato. Ormai è passata – commenta il primo cittadino – sono tutti minorenni, che ti puoi aspettare”. Il giornalista chiede: “Che violentino una ragazza?” e il sindaco risponde: ”No, nel modo più assoluto”. Su questo IntelligoNews ha chiesto il commento della criminologa…

Domenico Diele, per Bruzzone: “A rischio suicidario. C’è tipo e tipo di tossicodipendenza”

Intervista del 26 giugno 2017 Domenico Diele, per Bruzzone: “A rischio suicidario. C’è tipo e tipo di tossicodipendenza” Rischia fino a 16 anni di carcere Domenico Diele, l’attore che ha investito con la propria auto una donna che viaggiava a bordo di uno scooter provocandone la morte. Diele non soltanto sarebbe risultato positivo ai test anti droga che avrebbero appurato il consumo di stupefacenti prima di mettersi al volante, ma cosa ben più grave pare guidasse senza la patente che gli era stata ritirata a causa proprio del consumo di droga. Ora quello che molti si chiedono è se il suo essere “eroinomane” come da lui stesso ammesso, possa valere come attenuante al processo oppure no, e se dato che la sua carriera artistica è irrimediabilmente distrutta…

Accoltella stupratore bengalese, Bruzzone: “Caso unico, lucidità da vera scout”

Intervista del 22 giugno 2017 Accoltella stupratore bengalese, Bruzzone: “Caso unico, lucidità da vera scout” Un bengalese di 30 anni ha provato a violentare una ragazzina di 16 anni a Roma nel quartiere Montesacro, ignorando però che la giovane, per altro appartenente ad un gruppo scout non sarebbe rimasta a guardare. Infatti, tirato fuori un coltellino si è difesa colpendo l’aggressore e ferendolo. Un caso che naturalmente sta facendo molto discutere anche se, stavolta, l’abilità e la prontezza d’azione di questa ragazza seppur minorenne hanno evitato il peggio. L’uomo ferito è ora piantonato in ospedale. Intelligonews ha chiesto un commento alla criminologa Roberta Bruzzone.    Che effetto le ha fatto leggere questa notizia? Come giudica il comportamento di questa ragazzina? “Nel momento in cui subisci un’aggressione a…

Marco Prato suicida, per Roberta Bruzzone: “L’uscita più plateale possibile”

Intervista del 20 giugno 2017 Marco Prato suicida, per Roberta Bruzzone: “L’uscita più plateale possibile” Lo hanno trovato morto nella sua cella, con la testa infilata in un sacchetto di plastica: così si è ucciso nel carcere di Velletri  Marco Prato accusato dell’omicidio di Luca Varani, il ragazzo ucciso nella capitale il 4 marzo del 2016 durante un festino a base di sesso e droga. Domani avrebbe avuto la prima udienza del processo. E’ stato trovato durante il giro di ispezione con un sacchetto di plastica in testa riempito con una bomboletta di gas, involucro che l’avrebbe soffocato. Per l’omicidio di Luca Varani è già stato condannato, in abbreviato, a 30 anni, Manuel Foffo che, con Prato, pare avesse seviziato e ucciso la vittima. Prato, a differenza…

Piazza San Carlo, Bruzzone chiara: “Consideriamo Torino come una sorta di esperimento”

Intervista del 05 giugno 2017 Piazza San Carlo, Bruzzone chiara: “Consideriamo Torino come una sorta di esperimento” Il Procuratore di Torino Armando Spataro ha dichiarato che in merito a quanto avvenuto sabato sera in Piazza San Carlo non ci sarebbero al momento né persone indagate né ipotesi di reato da contestare. Da quanto è trapelato però gli inquirenti avrebbero rintracciato e interrogato i due ragazzi che avrebbero simulato l’attentato dicendo di essere terroristi dell’Isis e scatenando il panico fra la folla. Intelligonews ha chiesto un commento alla criminologa Roberta Bruzzone che un’idea sullo svolgimento dei fatti e sulle imputazioni che potrebbero essere contestate ai due qualora fossero accertate effettive responsabilità, sembra avera già abbastanza chiara. Cosa è successo davvero a Torino sabato sera? “Sulla base di quello…

Blue Whale Challenge, Bruzzone: “Siamo oltre il cyberbullismo: sanno chi puntare”

Intervista del 24 maggio 2017 Blue Whale Challenge, Bruzzone: “Siamo oltre il cyberbullismo: sanno chi puntare” E’ allarme Blue Whale Challenge con un aumento vertiginoso di casi anche in Italia (gli ultimi si sono verificati a Lucca e a Pescara). Si tratta di un gioco diabolico, dalle regole perverse e da un finale premio da brivido: il suicidio. Gli adolescenti infatti attraverso un lungo percorso composto da 50 tappe e da livelli di gioco ogni volta sempre più estremi, vengono indotti ad entrare in depressione e infine a togliersi la vita con tanto di ripresa video. Regola fondamentale del gioco è non rivelare nulla a nessuno, genitori in testa, dietro la minaccia di pesanti ritorsioni. Ma come ci si può accorgere se un figlio adolescente è…

Accoltella agenti a Milano, Bruzzone: “Lupo solitario, dal profilo è altamente probabile”

Intervista del 19 maggio 2017 Accoltella agenti a Milano, Bruzzone: “Lupo solitario, dal profilo è altamente probabile” Ieri sera, in Stazione Centrale a Milano, si è verificato un episodio su cui si indaga perché potrebbe avere dei risvolti del tutto inaspettati (Leggi la cronaca). Un agente della Polfer e due militari sono rimasti feriti durante un’operazione di controllo documenti e a ferirli è stato un ventenne italiano di origini tunisine, che li ha aggrediti con un coltello. Il giovane, poi arrestato grazie all’intervento di altri poliziotti, brandiva un coltello da cucina, e nonostante si propenda ancora come tesi primaria per un episodio di criminalità comune, alcuni dettagli potrebbero far prendere alle indagini un verso differente: l’essersi fatto crescere la barba, il non tornare a casa da…

Archiviata morte Maurantonio, criminologa Bruzzone: “Perché sono d’accordo con i giudici”

Intervista del 17 maggio 2017 Archiviata morte Maurantonio, criminologa Bruzzone: “Perché sono d’accordo con i giudici” Fu dovuta a una caduta accidentale, probabilmente  causata da un malore, la morte di Domenico Maurantonio, lo studente padovano di 19 anni che il 10 maggio 2015 precipitò dal quinto piano dell’hotel dove alloggiava mentre era in gita scolastica a Milano per l’Expo. Lo ha stabilito il gip Paolo Guidi archiviando l’inchiesta per omicidio colposo a carico di ignoti, come richiesto dai pm Alberto Nobili e Giancarla Serafini. Una decisione che ha lasciato l’amaro in bocca ai genitori del ragazzo, i quali restano convinti che a provocare la morte del figlio siano stati i compagni di classe in seguito ad un assurdo gioco. Secondo i consulenti nominati dalla famiglia vi…

Legittima difesa, per Bruzzone ”si torna a Lombroso. Legge non congrua”

Intervista del 05 maggio 2017 Legittima difesa, per Bruzzone ”si torna a Lombroso. Legge non congrua” La Camera dei Deputati con 255 voti favorevoli, 166 contrari e 11 astenuti, ha approvato la proposta di legge sulla modifica degli artt. 52 e 59 del codice penale, inerenti alla legittima difesa. L’iter della legge era iniziato nel 2016 ma ha subito un’accelerazione in seguito ai recenti fatti di cronaca, dall’oste di Lodi che spara e uccide il ladro, al barista di Budrio ucciso durante una rapina. Ora il testo passa al Senato. Cosa cambia con la cosiddetta ”proposta Ermini (PD)” nella legittima difesa? Come si innesta nell’impianto giuridico della norma la figura del giudice che deve valutare ”lo stato di turbamento psichico”? E l’elemento della notte che…

Macron e la moglie over 60, Bruzzone: “Viva Dio, sdoganato tabù maschilista. E Trump?”

Intervista del 26 aprile 2017 Macron e la moglie over 60, Bruzzone: “Viva Dio, sdoganato tabù maschilista. E Trump?” Il termine première dame di Francia è utilizzato nei media per indicare il coniuge o il partner del presidente della Repubblica francese. Il fatto che una donna possa diventare per la prima volta la titolare dell’Eliseo potrebbe creare qualche problema, ma sembra che anche nel caso di un uomo come successore di Hollande ci sia qualcosa “che non va”. Il riferimento è a Brigitte Trogneux, moglie di Macron da dieci anni e sua ex professoressa al Liceo. I due si passano 24 anni. E così il gossip inizia a parlare politichese e punta il dito (anche) contro questa relazione. Si parla di “complesso di Edipo”, di…

1 2 3 4 5 11