Home / Come diventare criminologo

Come diventare criminologo

Cosa fa esattamente un criminologo investigativo. E che differenza c’è con un investigatore o un commissario?

“Premetto che ci sono diverse tipologie di criminologi: ci sono i criminologi penitenziari che operano a supporto della Magistratura di sorveglianza nella delicata fase dell’esecuzione della pena nell’ottica della risocializzazione e del reinserimento sociale dei detenuti, ai criminologi che si occupano di ricerca accademica in svariati ambiti. Poi ci sono quelli come me, i cosiddetti criminologi investigativi, che, proprio come indica la definizione stessa, si occupano di investigazione soprattutto nei crimini di matrice violenta (omicidio, stalking e violenza sessuale). Sono dei professionisti che, grazie alle competenze in area tecnico-scientifica e psicologico-forense, sono in grado di applicare strumenti conoscitivi criminologici “tradizionali e non” al mondo delle investigazioni criminali. Negli Stati Uniti vengono chiamati “profiler”, in sintesi un soggetto capace di entrare nella mente criminale e di comprenderne il funzionamento, con una vasta esperienza in ambito investigativo e capace di processare le informazioni raccolte sulla scena del crimine secondo una logica stringente in cui i fatti, e soltanto quelli, la fanno da padrone. Ecco, questa è la parte principale del mio lavoro. A differenza dell’investigatore tradizionale appartenente alle forze dell’ordine, il criminologo investigativo possiede una competenza più ampia che gli/le permette di affrontare e considerare tutti i molti aspetti del caso che gli/le viene sottoposto”.

Come si diventa criminologi? C’è una laurea specifica?

“Devo premettere che, anche se in Italia è riconosciuta la competenza criminologica specialistica associata a diverse professionalità, non esiste un albo dei criminologi vero e proprio, come esiste invece in altre professioni quali lo psicologo (come nel mio caso), l’avvocato, il medico o il giornalista ad esempio. Non esiste neppure una laurea specifica in ambito criminologico-investigativo. È bene fare chiarezza sul punto. Per fare questo lavoro è indispensabile prima di tutto laurearsi in psicologia o, in subordine, in giurisprudenza o in medicina. Questi sono i percorsi di studi che consentono realistiche possibilità di accesso alla professione (la laurea in Psicologia in primis). Ma non basta: bisogna anche specializzarsi attraverso un lungo percorso formativo post laurea. Io sono laureata in psicologia, sono iscritta da molti anni all’Albo degli Psicologi e ho fatto diversi corsi di specializzazione sia in Italia che negli Stati Uniti sia in ambito criminologico che per approfondire lo studio delle Scienze Forensi. Questa è una professione che impone un continuo aggiornamento e quindi bisogna amare profondamente lo studio di queste materie. È proprio per questo motivo che ho fondato nel 2009 l’Accademia Internazionale delle Scienze Forensi (AISF) proprio per consentire una formazione specialistica pratica in questo campo anche nel nostro paese.”.

Quali sono quindi gli sbocchi professionali per un criminologo investigativo?

“Si può lavorare sia per la magistratura, sia per la difesa, sia per la parte civile. Sono diversi i possibili interlocutori professionali. Spesso infatti vengo nominata proprio dalle famiglie delle vittime in varie tipologie di casi per fare chiarezza nelle vicende che hanno riguardato tragicamente un loro congiunto. Non solo nei casi di omicidio ma anche nei casi di persone scomparse e di “morte equivoca” (presunto suicidio). L’ultimo caso di questo tipo che sto seguendo è quello di Mario Biondo, il cameraman palermitano che viveva a Madrid con sua moglie e che la notte del 30 maggio 2013 è stato trovato morto all’interno della sua abitazione in circostanze che stiamo chiarendo una volta per tutte. La magistratura spagnola chiuse il caso piuttosto frettolosamente sostenendo il suicidio. Ma i genitori non ci hanno mai creduto e mi hanno nominato per ricostruire i fatti nella loro interezza. Questo è solo un esempio del tipo di lavoro che svolgo”.

Quali sono i pro e i contro?

“Posso dire che è una professione meravigliosa perché ha a che fare con la ricerca della verità e ti consente di sentirti utile ogni giorno per tante persone. L’aspetto negativo è che per tutto il resto ti lascia solo le briciole, soprattutto nei confronti della vita privata. Si viaggia tanto, non ci sono orari, non esistono Natale, Capodanno, feste di compleanno o ricorrenze varie. Se c’è da lavorare a un caso bisogna prendere e andare. E non tutti sono in grado di sopportare a lungo una compagna o una moglie che c’è un po’ a “singhiozzo”. Non è facile trovare un compagno che accetti uno stile di vita decisamente poco “casalingo” e che non entri in “competizione”. Insomma è una professione dura”.

Quanto si guadagna?

” Dipende dalla complessità e dalla mole delle informazioni del caso da analizzare. Una consulenza può andare dai 2/3mila euro fino a più di 15/20mila euro. Dipende dall’attività da fare”.

Sono aperte le iscrizione per il Corso di Alta Formazione in Scienze Forensi...clicca qui